BRESCIA in “rosa”, in occasione della mostra “DIVINA CREATURA”

Sabato, 9 Maggio

Mostra “DIVINA CREATURA. Donne nell’arte da Tiziano a Boldini”
e visita guidata della città…“in rosa”

IN COLLABORAZIONE CON L’ASSOCIAZIONE PERLEDONNE

BRESCIA, Sabato 9 Maggio 2020

Ore 7.00: partenza con pullman da Imola, v. le Aspromonte, alla volta di BRESCIA e incontro con la guida.
Raggiungiamo la sede della mostra facendo sosta davanti a PIAZZA DEL FORO ROMANO, la piazza principale dell’antica Brixia a partire dal I secolo a.C., il principale complesso archeologico di epoca romana del nord Italia, Patrimonio Unesco dell’Umanità. Ingresso riservato a PALAZZO MARTINENGO, splendido contenitore della mostra intitolata “DIVINA CREATURA. DONNE NELL’ARTE DA TIZIANO A BOLDINI”, dedicata alla rappresentazione della donna nell’arte dal Cinquecento fino alla Belle Époque: una selezione di un centinaio di opere provenienti da prestigiosi musei, pinacoteche e collezioni private. I più celebri pittori di tutti i tempi hanno eternato in dipinti di incantevole bellezza il mondo femminile: da Raffaello a Tiziano, da Caravaggio a Tiepolo, da Zandomeneghi a De Nittis fino a Boldini.
Vogliamo ricordare un personaggio legato a Palazzo Martinengo: la contessa MARZIA MARTINENGO, proprietaria del palazzo, la gentildonna amata da Ugo Foscolo che conobbe in occasione del suo soggiorno bresciano nel 1807, alla quale il poeta dedicò bellissime lettere.
Tempo a disposizione per il pranzo libero nella zona del Duomo che offre un’assortita scelta di locali.
Nel pomeriggio riprendiamo la passeggiata attraverso i principali luoghi: Brescia è una città a “misura d’uomo” con un centro storico raccolto nella cerchia dei viali, facilmente percorribile a piedi.
Raggiungiamo PIAZZA LOGGIA, cuore pulsante di Brescia sia per la sua posizione e sia per la presenza della Loggia, ultimata nel 1574, sede della vita amministrativa cittadina. La sua forma rettangolare è delimitata da una serie di edifici di epoca veneziana che la rendono molto elegante. Proseguiamo verso PIAZZA PAOLO VI detta anche “delle Cattedrali” perché vede suggestivamente affiancati il DUOMO VECCHIO e il DUOMO NUOVO mostrandoci un suggestivo viaggio nel tempo di stili architettonici, dal romanico al tardo barocco: il primo, splendido esempio medievale a pianta circolare e per questo chiamato “rotonda”, concattedrale insieme al Duomo nuovo dalla bella facciata barocca in marmo di Botticino e una imponente cupola, la terza d’Italia per altezza.
Completiamo le visite di questa giornata presso il magnifico COMPLESSO DI SANTA GIULIA, Patrimonio Unesco dell’Umanità, ispirati da un altro personaggio femminile tanto caro al Manzoni: la tradizione, ripresa dallo scrittore nell’Adelchi, vuole che in Santa Giulia si consumasse la drammatica vicenda di ERMENGARDA, figlia del re Desiderio.
La fanciulla data in sposa a Carlo Magno per rinsaldare l’amicizia con il popolo dei Franchi, dopo esser stata ripudiata dal re carolingio nel 771, si rifugiò nel complesso monastico dove spirò dopo aver appreso delle nuove nozze di Carlo con la sveva Ildegarda. Tornando a dati storici certi, SANTA GIULIA, monastero femminile di regola benedettina fatto costruire dall’ultimo re longobardo Desiderio e dalla moglie Ansa nel 753 d.C., ebbe un ruolo di primo piano religioso, politico ed economico. Un complesso costituito da ambienti di rara bellezza dove si compenetrano storia, arte e spiritualità.
Insieme alla guida ci dedicheremo in modo particolare alla meravigliosa sezione longobarda e carolingi di cui fa parte anche la CHIESA DI SAN SALVATORE, senza dubbio una delle testimonianze più importanti di architettura religiosa altomedievale, interamente decorata con stucchi ed affreschi sorprendenti: nastri ad intreccio, girali, gigli stilizzati alternati a foglie, archetti intrecciati, rosette, gigli cruciformi e rosoni. Il suo apparato ornamentale costituisce, insieme con quello del cosiddetto “Tempietto Longobardo” di Cividale del Friuli, uno dei più ricchi e meglio conservati dell’epoca longobarda.
Partenza per il viaggio di rientro.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE (minimo 25 persone): € 100.00
Nella quota è compreso un contributo di € 5.00 che sarà devoluto al Centro Antiviolenza PerLeDonne, Associazione che offre ascolto, consulenza giuridica e psicologica gratuita.
ISCRIZIONI: DA SUBITO! – Acconto o saldo contestuale all’iscrizione.

LA QUOTA COMPRENDE: contributo di € 5.00 che sarà devoluto all’Associazione PerLeDonne (verrà consegnata debita ricevuta); viaggio in pullman G.T. da Imola; guida per l’intera giornata, ingressi riservati alla mostra e al complesso di Santa Giulia; assicurazione sanitaria Allianz (massimale 260€); assistenza logistica a cura di Clalys in viaggio. LA QUOTA NON COMPRENDE: pranzo, mance, extra in genere e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.
Assegnazione posti in pullman: vengono preassegnati in base alla data di versamento dell’acconto o saldo.